Torta al cocco e banana



Questa torta al cocco e banana è semplice e profumata, una ricetta che riporta indietro nel tempo, quando la mamma sfornava dolci al pomeriggio per allietare i compiti miei e di mio fratello.
Si studiava più volentieri quando la casa era invasa dal profumo e il camino ci faceva compagnia col suo calore. Certi profumi funzionano da macchina del tempo e ti riempiono il cuore di quella serenità difficile da trovare perchè propria dell'infanzia, lo sapeva bene Proust, ma lo sappiamo un po' tutti noi.
Quello che non sapevamo da piccoli è che il persistente uso delle banane nei dolci era dovuto anche fatto che fosse necessario salvarle. Infatti chi non ha mai rifiutato una banana perchè troppo piena di macchie nere! Questo dolce delizioso ha dunque anche la valenza di salvabanane, vedrete che con questa ricetta nessuno si tirerà indietro, e avremo dato nuova vita ad un frutto che da troppo tempo giaceva inerte in attesa che qualcuno si accorgesse di lui.

Ho utilizzato uno stampo tondo a cerniera del diametro di 20 cm perchè adoro i dolci belli alti, ma potete usare queste dosi anche in uno stampo da 24 cm. L'impasto crescerà meno in altezza, ma la torta sarà ugualmente ottima.
Perfetta sia a colazione che a merenda, a me piace accompagnarla con una bella tazza di tè nero forte.
Continua a leggere...

Plumcake al mango



Se mi invitano a pranzo mi sento felicemente investita della responsabilità di occuparmi del dolce, e questo plum cake al mango è stato davvero un regalo graditissimo da tutti i commensali.
Ho tirato un sospiro di sollievo, anche se sapevo di andare sul sicuro! Innanzitutto il mango è un frutto molto originale da usare, e questo già mi stuzzicava assai, poi la sua dolcezza e il suo gusto particolare non possono che essere apprezzati.

Questa ricetta arriva dritta dritta dal libro che attualmente considero la mia bibbia culinaria, ovvero "750 ricette per il muffin perfetto" di Camilla Saulsbury.
Ah, Camilla, se mi stai leggendo sappi che sei il mio nuovo guru!

Questo impasto può tranquillamente essere declinato in forma di muffin, plum cake come nel mio caso, e torta tonda.
Io ho aggiunto l'elemento sexy, ossia le fette di mango sulla superficie, è un tipo di decorazione perfetta per la forma allungata del plum cake e può essere replicato anche usando le mele, le pere, la papaya, il kiwi, un pò tutti i frutti abbastanza grandi da poter essere affettati.
L'aggiunta di zenzero e cardamomo accompagna alla grande il mango e ricorda gli ingredienti tipici dei dolci (ma anche dei piatti salati) indiani.

Provate questo plum cake, è ottimo soprattutto accompagnato da una buona tazza di tè o una tisana allo zenzero e limone.

Continua a leggere...

Torta babà al cherry brandy e crema diplomatica



Mi capita raramente di provare il desiderio di cimentarmi con un dolce dalla lunga preparazione, che necessiti di una lievitazione lenta e pigra, siamo bombardati da ricette facili e veloci, ricette last minute, pranzi luculliani da tirar fuori in quindici minuti, che l'idea di attendere un intero giorno per vedere finita la propria creazione diventa impensabile ci fa rinunciare all'impresa senza aver mai tentato.

Se volete avventurarvi nella realizzazione della Torta babà, vi servirà per prima cosa: un giorno intero, una stanza calda, asciutta e accogliente per far lievitare gli impasti, tutti gli ingredienti che vi posto di seguito e una buona dose del liquore che preferite.

L'idea di sperimentare questo dolce è nata dal mio albero di ciliegie, che nella scorsa primavera è stato di una generosità impressionante, ci ha dato così tanti frutti che ho deciso di preparare il cherry brandy. Le ciliegie e lo zucchero hanno riposato per sei mesi in un barattolone di vetro con chiusura ermetica e in dicembre ho filtrato lo sciroppo e aggiunto l'alcool. Ero così orgogliosa del risultato che ho deciso di festeggiare con questo dolce. Del resto una torta babà è il meglio che si possa pensare per esaltare la bontà di un liquore!

Sono dell'opinione che si possa sperimentare ulteriormente, se non avete del cherry brandy, potete usare il liquore che preferite, un limoncello, un liquore al bergamotto, persino del ponch, da abbinare ad una crema che faccia bene il paio con la bagna che avete scelto... perchè no, potete anche restare nella tradizione e optare per un classico rum.

Per la ricetta ho preso spunto dal blog Ho voglia di dolce, visto che non è un dolce che appartiene alla tradizione culinaria di casa mia, all'inizio brancolavo nel buio. bisogna studiare il doppio se si è autodidatti, ma il risultato è davvero molto goloso!

Clicca sul titolo per continuare a leggere...

Pasticcini alla mandorla



Voglia di tradizione e poco tempo a disposizione? Volete preparare qualcosa con la certezza che sia apprezzata da tutti? La risposta non sta nelle stelle, ma nel vostro forno, ovviamente dopo esservi munite di una certa quantità di farina di mandorle!
Facciamo i pasticcini alle mandorle, pilastro della pasticceria siciliana e di tutto il sud in genere!
C'è un posto sicuro dove posso reperire ricette tradizionali collaudatissime e trucchi per lo Sugarcraft, ed è School of Sugarcraft, da dove ho attinto la ricetta dimezzando le dosi.

Ho ricordi dei pasticcini alle mandorle praticamente da sempre: matrimoni, battesimi, compleanni, feste patronali, fiere, qualunque occasione è sempre stata condita dolcemente da queste piccole, meravigliose presenze, decorate con ciliegie candite rosse o verdi, da un chicco di caffè, una mandorla pelata, o pezzetti di arancia candita. Il gusto non cambiava, ma la decorazione differente era sempre un'ottima scusa per mangiarne un altro, poi un altro e un altro ancora.

La preparazione non è affatto difficile, richiedono anche pochi minuti di cottura, ma da rispettare rigorosamente per non biscottarli. Che ne dite, ci proviamo?
Clicca sul titolo per continuare a leggere...

Omini di pan di zenzero



Gli omini al pan di zenzero, conosciuti inoltre come Gingerbread man, sono biscotti natalizi di origine anglosassone a forma di omino, speziati e decorati con glassa di zucchero.
Se avete in casa una formina che li raffigura, non potete non provare questa ricetta, profumata e aromatica. La frolla è croccante e da il meglio si sè quando è abbastanza sottile, quindi non stendetela troppo spessa.
Questa ricetta, inoltre, differisce dal classico pan di zenzero, perchè non contiene cannella, chiodi di garofano e melassa. L'aroma intenso proviene dallo zenzero, sia in polvere che fresco, dallo zucchero muscovado e dallo sciroppo d'acero, che usato caldo, rende l'impasto morbido e setoso.
Inoltre è una ricetta priva di uova.

Per questi omini al pan di zenzero ho scelto una decorazione in pasta di zucchero. Può sembrare un metodo laborioso a causa delle parti molto piccole, ma è ottimo per evitare pasticci irrimediabili se abbiamo poca dimestichezza con la glassa.
Il tocco in più è dato dal pennarello alimentare, che considero un validissimo aiuto se siamo appassionate di dolci decorati, sono bastati dei semplici trattini lungo il bordo dei biscotti per rendere i nostri omini dei bellissimi pupazzi cuciti a mano.

Se come me amate regalare dolci fatti in casa sotto Natale, questi biscotti sono perfetti. Con le dosi della ricetta ne potrete ricavare ben 50, comprate una bella latta porta biscotti e riempitela di omini, decorando solo quelli in superficie.

Buone Feste a tutti voi!

Cliccate sul titolo per leggere la ricetta...

Natale 2015: Torta al mandarino



Questa torta al mandarino è semplice e deliziosa, morbida, profumata, l'accoppiata mandorla e mandarino è perfetta per evocare i sapori del Natale.
Se nei giorni di festa volete mettere in tavola un dolce poco elaborato ma d'effetto, questa torta glassata al mandarino è per voi, un perfetto esempio di "comfort food".

Si. Ho anche un albero di mandarini, attualmente è stracarico e a parte fare qualche dono (frutta e verdura bio senza pesticidi, sono i doni più graditi), qualche vasetto di marmellata e del liquore, ho deciso di farci un bel dolce, utilizzandoli tutti, dal succo alla scorza grattugiata, visto che non uso pesticidi è il massimo!
Clicca sul titolo per continuare a leggere...

Banoffee Cake


La Banoffee pie è un dolce anglosassone ormai conosciuto, deve il suo nome all'incrocio dei suoi due ingredienti principali: la banana e il toffee. Stavolta però non avevo affatto voglia di cimentarmi con un'altra pie, ci voleva qualcosa di soffice e gustoso.
Dovevo usare delle banane che erano ormai troppo mature, e in frigo c'era un barattolo di crema toffee francese, regalo portatomi da Parigi, che piangeva dimenticato.
Bene, trasformiamo la Banoffee pie in Banoffee cake!

Questa torta le ha tutte. E' profumatissima e deliziosa, è bellissima ma anche estremamente facile, si prepara in un attimo ed è soffice ed aromatica. La scorza di limone e la noce moscata nell'impasto regalano una sfumatura di sapore in più oltre al più comune binomio banana/vaniglia.
Se avete poco tempo e volete preparare un dolce speciale, questa ricetta è per voi.
Cliccate sul titolo per continuare a leggere.

Sacher Pie



Metti che sia il compleanno di una persona speciale e che quella persona ti chieda una Torta Sacher. Metti anche il fatto che tu non abbia molta voglia di confrontarti con un grande classico, ma che devi perchè al pranzo organizzato per festeggiare (al quale non puoi assolutamente mancare) sarai circondata da amanti del cioccolato. Che cosa fai?
Ecco com'è nata la Sacher Pie, un ibrido tra la più famosa Sacher Torte e una pie di frolla al cacao. Non chiedetemi se esiste da qualche parte, perchè è un'idea che ho avuto senza prendere spunto da una ricetta già esistente. Certo, non credo di essere l'unica su tutto il globo terrestre ad aver avuto questa idea, ma durante l'ideazione ho creato tutto da me.
Il risultato è una crostata deliziosa, dal ricchissimo e intenso sapore di cioccolato fondente, spezzato e arricchito dallo strato di marmellata di albicocche. La ganache resta morbida e vellutata e il dolce è davvero perfetto per le grandi occasioni, lo stile è rustico, ma il sapore ricorda i grandi dessert.
Provatelo, meglio se lo realizzate il giorno prima di servirlo dato che la ganache necessita di un lungo tempo per rapprendersi.
Clicca sul titolo per continuare a leggere...

Tartufini alle castagne




E' il momento giusto per godersi un frutto delizioso e nutriente come le castagne! Se riuscite a resistere e a non consumarle tutte facendole scoppiettare sul focolare, vi propongo una ricetta facile e sfiziosa se avete qualcosa da festeggiare e poco tempo per preparare un dolce elaborato.
I tartufini alle castagne sono davvero particolari e si preparano in poco tempo, avete bisogno solo di far bollire le castagne, ma se andate di fretta, potete fare quest'operazione il giorno prima sbucciandole subito, se si freddano sarebbe davvero difficile togliere la pellicina che le avvolge.
Questi dolcetti sono fantastici a fine pasto, accompagnati da liquori o amari. Devo confessarvi che anch'io, nonostante sia quasi astemia, non ho resistito alla tentazione!
Prosit!
Clicca sul titolo della ricetta per continuare a leggere...

Muffin al doppio cioccolato e lamponi


Non preparavo un dolce cioccolatoso da troppo tempo, e visto che avevo in freezer una bella manciata di lamponi il passo è stato breve. Cioccolato fondete e lamponi si sposano benissimo e sono un'accoppiata classica, ho trovato i lamponi in quasi tutte le cupcakes al cacao che ho assaggiato in giro per le cupcakerie d'Europa, e se non erano presenti sotto forma di frutto fresco, spesso erano utilizzati in confettura.

Per la versione muffin, ho arricchito ulteriormente il gusto rafforzando il cacao con scaglie di cioccolato fondente tagliate grossolanamente, di modo che ad ogni morso si possa trovare un bel pezzo di cioccolato da sciogliere in bocca.
Devo confessarvi una cosa, non sono una grande amante del cioccolato a colazione; appena sveglia amo mangiare dolci integrali, con cereali e semini di ogni genere, amo le marmellate e naturalmente anche la frutta sia fresca che secca. Perciò gusterò queste bombe di guduria a merenda o meglio ancora a sera, quando la voglia di cioccolato mi accompagna a letto e mi dice: "Ok, va tutto bene... "

Se amate il gusto del cioccolato al mattino non c'è storia, questi muffin sono perfetti col caffè, col cappuccino o un bel caffè americano. Se amate il tè optate per quello nero molto forte.
Clicca sul titolo della ricetta per continuare a leggere...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...